Perché viene fatto il TSO?

Perché viene fatto il TSO?

Perché viene fatto il TSO?

Di fatto il TSO viene messo in atto quando la persona viene ritenuta pericolosa per sé o per gli altri, in soggetti che manifestano minaccia di suicidio, minaccia o compimento di lesione a cose e persone, rifiuto di comunicare con conseguente isolamento, rifiuto di terapia, rifiuto di acqua e cibo.

In che cosa consiste il TSO?

Se una persona presenta alterazioni psichiche tali da richiedere interventi terapeutici urgenti, ma rifiuta le cure proposte, può essere effettuato il TSO (trattamento sanitario obbligatorio) per un periodo di sette giorni rinnovabili.

Chi può fare il TSO?

Il T.S.O. può essere richiesto da colui che è sottoposto al trattamento, il Pubblico Ministero o chiunque vi abbia interesse. Per richiedere, invece, l'opposizione contro i T.S.O., può agire qualsiasi persona interessata, congiunto o estraneo, chiedendo al Sindaco la revoca o la modifica del provvedimento.

Che differenza c'è tra ASO e TSO?

Infatti, in caso di applicazione di A.S.O., il paziente sarà privato della libertà personale per il tempo strettamente necessario ad eseguire gli accertamenti medici, mentre, al contrario, in caso di T.S.O. egli verrà trattenuto presso un nosocomio per il periodo necessario a praticare le cure mediche.

Quanto può durare un TSO?

Il T.S.O. ha una durata massima di sette giorni, ma può essere prorogato più volte, qualora vi sia la necessità, con una richiesta di prolungamento da parte del sanitario che ha in cura il soggetto diretta al sindaco del Comune che ha firmato l'ordinanza (art. 3, legge n. ).

Cosa succede quando finisce il TSO?

La durata del TSO è pari a 7 giorni, al termine dei quali lo psichiatra del servizio potrà anche richiedere di prolungare il trattamento. In caso contrario, il TSO termina e lo psichiatra ha l'obbligo di inviarne comunicazione al Sindaco, il quale lo comunicherà a sua volta al Giudice tutelare.

Cosa fare se una persona non si vuole curare?

Il rifiuto delle cure Il primo passo, quindi, è contattare il Centro di salute mentale, su indicazione del medico di famiglia o direttamente, per chiedere un primo consulto. Vi fa capo un'equipe di professionisti, quali psichiatra, psicologo, assistente sociale, infermiere.

Quanto costa fare un TSO?

QUANTO COSTA La richiesta di trattamento sanitario obbligatorio non comporta alcun costo.

Cosa fare dopo un TSO?

Cosa succede dopo un TSO: procedura Il Sindaco avrà il dovere di inviare l'ordinanza di TSO al Giudice Tutelare, entro 48 ore dal momento in cui è avvenuto il ricovero. Il Giudice avrà, a sua volta, altre 48 ore per convalidare il provvedimento.

Quanto dura l'effetto del TSO?

La durata del TSO è pari a 7 giorni, al termine dei quali lo psichiatra del servizio potrà anche richiedere di prolungare il trattamento. In caso contrario, il TSO termina e lo psichiatra ha l'obbligo di inviarne comunicazione al Sindaco, il quale lo comunicherà a sua volta al Giudice tutelare.

Cosa c'è prima del TSO?

DOVE SI EFFETTUA UN ASO Nell'ordinanza emessa dovrà essere indicato il luogo dell'accertamento. Dopo un accertamento sanitario obbligatorio, se ci sono le condizioni e la persona rifiuta di sottoporsi alle cure necessarie, può essere disposto un trattamento sanitario obbligatorio (TSO).

Quanto costa un TSO?

QUANTO COSTA La richiesta di trattamento sanitario obbligatorio non comporta alcun costo.

Cosa fare in caso di TSO?

La legge prevede che in caso di TSO sia possibile fare ricorso contro il Sindaco, chiedendo anche il supporto di un avvocato. Il Sindaco avrà a sua disposizione 10 giorni per rispondere.

Quali sono i comportamenti di una persona depressa?

Chi soffre di depressione presenta in genere un atteggiamento di autocriticismo e autosvalutazione, costanti rimproveri verso se stesso, un continuo ruminare su quali possono essere le cause del proprio malessere e una continua formulazione di pensieri catastrofici e pessimisti sul futuro.

Perché un bipolare non vuole curarsi?

Le spiegazioni possono essere le più varie, come ad esempio: “ i farmaci mi cambiano il carattere… mi rintontiscono” oppure “sono gli altri a comportarsi male…è per questo che divento particolarmente nervoso e irritabile”, e ancora “sono giù d'umore perché in questo periodo ho mangiato male…. ho lavorato troppo….

Post correlati: